Formaldeide e cancro: un legame sempre più evidente

formaldeide_formula.png

L’esposizione continua e prolungata alla formaldeide o alle resine derivanti da questo composto chimico comporta un significativo aumento del rischio di neoplasie maligne come leucemia o linfomi. La conclusione viene da un ampio studio finanziato dal governo statunitense e pubblicato sulla rivista Journal of National Cancer Institute. Analizzando l’incidenza di cancro in un campione di 25.000 lavoratori impiegati nelle industrie di produzione dei materiali plastici, delle pellicole fotografiche e del legno lavorato, come il compensato o il truciolato, i ricercatori hanno verificato che coloro che erano esposti a livelli più elevati di formaldeide avevano un tasso di mortalità causata dal cancro del 37% superiore rispetto a chi era esposto in maniera minore a questo composto gassoso.  L’esposizione alla formaldeide potrebbe incrementare fortemente il rischio di andare incontro a numerose tipologie di cancro, come la leucemia mieloide, il linfoma di Hodgkin o il mieloma multiplo, hanno dichiarato i ricercatori dello studio. Una tesi che era già stata messa in evidenza da alcune ricerche condotte in passato e che aveva spinto l’Organizzazione Mondiale della Sanità a stabilire un limite massimo per la concentrazione di formaldeide negli ambienti di casa e di lavoro (pari a 0,1 parti per milione).  La formaldeide è un composto chimico che trova largo impiego nella messa a punto di disinfettanti e additivi chimici di comune uso domestico ed è inoltre impiegata come collante in numerosi materiali derivati della plastica e del legno. In questi ultimi casi, la formaldeide può essere rilasciata nel tempo e volatilizzarsi nell’ambiente in seguito all’invecchiamento dei materiali. Per l’arredamento domestico è consigliabile quindi prediligere i materiali che non contengano questo prodotto e, nel caso questi materiali siano già presenti nelle nostre case, cercare di areare i locali con maggior frequenza.

Formaldeide e cancro: un legame sempre più evidenteultima modifica: 2009-05-15T17:27:27+00:00da doc1a
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento